martedì 6 maggio 2008

UNO, DUE E TRE

Uno, due e tre, con queste parole ha esordito Orlando in una delle sue spiegazioni durante la parte teorica dello stage, per dire che il nostro e' stato il numero 123. Tuttavia con quelle parole si puo' indicare anche che lo stage a cui stavamo prendendo parte e' stato il numero 3, il terzo organizzato dalla nostra società e, al pari dei precedenti, e' il terzo che si conclude con enorme soddisfazione dei partecipanti, tutti contenti di aver preso parte a questa bellissima esperienza e di aver conosciuto Orlando e sua moglie Ilaria. Anche questa volta abbiamo potuto apprezzare queste due splendide persone sempre disponibili ed attente a non tralasciare alcun aspetto e sempre pronte a trattare con la stessa considerazione tanto il top runner quanto il neofita che si avvicina a questo meraviglioso mondo della corsa per la prima volta. ' ormai passato un anno da quando abbiamo avuto il piacere di conoscere Orlando ed Ilaria ma sembra che ci si conosca da sempre ed ogni volta si scopre un qualcosa in piu' del loro splendido modo di fare. Probabilmente rischio di essere ripetitivo ma non posso fare a meno di elogiarli e di ringraziarli per la loro cordialita', la loro disponibilita' e per tutto quello che fanno. Mi sento di consigliare questo tipo di esperienza che non e' rivolta necessariamente a coloro che vogliono migliorare la loro competitivita', ma anche e soprattutto a coloro che vogliono migliorare il loro modo di correre per farlo al meglio e piu' a lungo possibile.E' stata la terza edizione ed e' con un pizzico di orgoglio che penso all'ottima riuscita dello stage per diversi motivi, ma soprattutto perche' e' stata la realizzazione di un'idea avuta poco piu' di un anno fa, realizzata brillantemente ma anche con qualche perplessita' sulla buona riuscita con la prima edizione e andata sempre migliorando con le due successive. E' per questo che i miei complimenti sono rivolti a Fausto che ha reso possibile la realizzazione di tutto cio'.

3 commenti:

giampiero ha detto...

Con il nostro entusiasmo non ci sono limiti, anche un personaggio di mondo come Orlando è rimasto travolto dalla nostra passione e professionalità. Lo stage door to door di Orlando è un intuizione tua, quindi bisogna dire grazie a te e Ivana che ci avete coinvolto. Ora sbrigati a fare questi esami e torna in patria che mi servi nell'organizzare il raduno dei blogtrotters, tu sei tra i più vecchi in ordine di apparizione su internet e avrai belle idee pure per quello. A presto.

Mauro ha detto...

Complimenti a Ivana e a Fausto la cui simpatia e affabilità rende difficile l'appartenenza ad altre associazioni sportive.
Grazie per aver reso possibile questo evento alle porte di Roma.

Definirei lo stage di Pizzolato un bombardamento di pillole di saggezza su tutto ciò che riguarda la corsa e di dati soggettivi che rappresentano un vero tesoretto per il runner.
E' difficile pensare di poterne fare a meno nel tempo e, infatti, moltissimi (come me) ritornano.
Grazie a Running Evolution, a tutti gli amici runner che hanno partecipato e, naturalmente ad Orlando & co. che con la loro passione e professionalità lo rendono possibile.

Anonimo ha detto...

Ho partecipato alle prime tre edizioni e ogni volta ho imparato cose nuove e mi sto predisponendo a partecipare anche alla quarta.
Sto convincendo anche altri che lo hanno già fatto o persone che hanno appena cominciato ad avvicinarsi alla corsa a farlo o a ripeterlo.
Non è utile partecipare solo per il test di “Conconi” ma per le molte informazioni che aiutano a crescere e sviluppare la propria consapevolezza e aggiungono continui nuovi stimoli.
Devo aggiungere anche che persone come Orlando e Ilaria riescono a trasformare l'atmosfera di questa manifestazione così gradevole ed accogliente che lo stage diventa anche una bella occasione di stare insieme.
Al prossimo stage
Maria Regina