martedì 14 ottobre 2008

HO GETTATO LA SPUGNA!!!

Titolo del post che ricorda piu la boxe che la corsa, però è andata proprio così domenica mattina nella bellissima gara di 30km a Ostia. Dopo l'ultimo spugnaggio che era situato sul lungomare, mentre percorrevo il tratto di strada che porta al giro di boa posto all'altezza della Cristoforo Colombo, ho iniziato ad accusare il riacuttizzarsi di una contrattura ad un polpaccio che già in settimana mi aveva dato fastidio. Ho rallentato, camminato, mi son fermato per cercare di sciogliere con qualche massaggio ma il dolore permaneva e così ho provato a continuare camminando.Poco prima dell'ingresso nella pineta, dove si affrontava l'ultima parte del percorso, con molta rabbia ho gettato a terra la spugna che avevo tenuto per cercare di rinfrescarmi un po' visto il caldo che c'era, ed ho preso la decisione di ritirarmi e di tornare lentamente verso il traguardo. Stare li seduto a terra con il polpaccio dolorante non è stata certo una bella sensazione. Nel frattempo mi raggiungeva Ivana ed anche lei era esausta, d'altra parte in questo ultimo periodo non eravamo andati oltre i 12km!!! Così decidiamo di tornare verso il traguardo trotterellando ed incoraggiando tutti quelli che invece si stavano impegnando non poco per affrontare le ultime insidie del percorso. Giunti nello stadio, forse ingenuamente, decidiamo comunque di fare il giro di pista lasciando la prima corsia per tutti gli altri atleti in gara ed al termine del giro venti metri prima del traguardo decidiamo di non passare sul tappeto che rileva il passaggio del chip, ma di passare oltre le transenne, lasciando di stucco anche i giudici FIDAL che ci domandavano cosa stessimo facendo. Abbiamo spiegato che non ci sembrava giusto occupare dei posti di classifica irregolarmente tant'è che non abbiamo voluto prendere neanche la medaglia. Tuttavia la sera, con molta sorpresa e dispiacere, abbiamo notato di essere in classifica. Immediato è stato il tentativo di comunicare il piccolo contrattempo. Rimane tuttavia il dispiacere di essersi ritirati e di interrompere ancora una volta la preparazione in vista della Maratona di Firenze che vedo sempre più lontana e sempre più una bella gita da fare insieme ad altri amici; e soprattutto rimane il dispiacere (ma non credo sia colpa nostra) di ritrovarsi in classifica e (forse) di dar modo a qualcuno che ci ha visto solo rientrare nello stadio di credere che noi siamo stati scorretti e di aver imbrogliato.



15 commenti:

Ezio ha detto...

Andrea la tua onesta' in una giornata in cui hanno tagliato al "Giro di boa" e' come una rondine nel cielo di primavera...bellissima!

AndreaDeF ha detto...

Ti ringrazio, ma purtroppo queste cose le devi sempre dichiarare altrimenti c'è sempre qualcuno che ti accusa di essere stato scorretto!!!

Master Runners ha detto...

E ti assicuro che hanno tagliato in tanti, non solo al giro di boa, anche all'entrata della pineta........ che tristezza!
Andrea complimenti per la vostra correttezza!

GIAN CARLO ha detto...

Poi c'è pure il problema che le organizzazioni(disastrosa quella di Ostia) hanno interesse a far registrare il + alto numero di classificati.

GIAN CARLO ha detto...

@Master, al giro di boa ti vedono tutti a meno che non sei tra gli ultimi, ma in pineta come fai ? Dovevi proprio fare un'altra strada. Ma se devi fare un'altra strada allora che la fai a fà la gara.

Anonimo ha detto...

Caro Andrea, non è altro che la conferma alla tua Onestà (come se ce fosse bisogno...) di persona prima di tutto e di atleta poi. condivido il pensiero di giancarlo, se devi tagliare ma che sei venuto a fà...
Per quanto riguarda Firenze beh credo che quest'anno la correremo insieme. quando allunghi la distanza è come se tirassi le somme ma purtroppo i conti non tornano
Un abbraccio Luigi

Master Runners ha detto...

Giancà, all'ingresso della pineta c'era un pezzo dove tu facevi la discesa e poi una curva a gomito a dx e dall'altro lato salivano i primi in senso contrario ....era facile il passaggio anche perchè in quel tratto, dell'organizzazione non c'era nessuno, tranne quello piu avanti all'incrocio con la bandierina

Alessandro ha detto...

Per prima cosa ti auguro di rimetterti in sesto quanto prima e poi mi unisco al coro per dirti che sei ammirevole per l'onestà che hai, virtù che ormai è tanto rara e spesso anche poco apprezzata.
E, in fin dei conti, i 30 e passa Km li avete fatti per cui è giusto che siate classificati e premiati.
Complimenti anche a Ivana.

giampiero ha detto...

..Firenze puoi farla ugualmente, c'è ancora tempo.
Sapevo che vi eravate ritirati e quindi anche io avevo fatto caso al fatto che eravate in classifica, conoscendovi sapevo che non c'era reato.
Anche io alla Maratona di Roma, la prima che feci, mi ritirai passando dall'arrivo ma non presi la medaglia e consegnai appena ritirato il chip.
ps..fa caldo stare sotto i riflettori vero? L'importante è che siano sempre rivolti verso di noi!!

Andrea ha detto...

@ ps di Giampiero: fa caldo, ma il tutto fa girare un po' le p.... perchè arriva da persone che non pensavo fossero così e che parlano, anzi sparlano gratis. Sicuramente non andiamo (con Ivana) a correre per vincere la medaglia o un prosciutto, ma per stare insieme a tante altre persone che amano questo sport.
Andrea

Teresa ha detto...

Ma che sta succedendo io non capisco ....mi sono persa qualcosa???!!

Marco Bucci ha detto...

Ti faccio i miei complimenti per
l'onesta'.
L'importante e' dirlo agli altri
che hanno corso regolarmente e
sanno della tua sincerita'.
E' un vero piacere averti letto.
Un abbraccio

Anonimo ha detto...

Non credo che chi ti conosce possa pensare ad una qualche scorrettezza.
Queste cose non ti appartaengono come persona e non ci appartengono come squadra.
Quanto agli altri falli pure sparlare che tanto non sanno quello che dicono...
Forza che per Firenze c'è tempo.

Stefano

Daniele ha detto...

Mi spiace che non sia andata bene… Ed il vostro comportamento poi vi fa onore, bravi!

Frate_tack ha detto...

Tranquillo per la classifica non è un problema secondo mè, una o due posizioni in più o in meno non contano dai. Peccato invece per il polpaccio, ti capisco anche io in questo periodo ho lo stesso medesimo problema e sò che è doloroso e frustrante sentirsi bene per tutto il resto e avere una gamba che viene trascinata. Su coraggio stringiamo i denti e proviamo a guarire e via verso la vostra Firenze! Bravi