mercoledì 10 dicembre 2008

ALLA BEST WOMAN E' QUASI PB


Domenica a Fiumicino si è corsa la Best Woman, ultima gara di 10 chilometri del calendario sociale. Dopo giorni di freddo, pioggia e mareggiate nessuno avrebbe potuto aspettarsi una giornata così bella con sole e temperatura quasi primaverile.
Forse per la fama di essere una gara veloce, e' anche una gara molto partecipata il che ha provocato qualche piccolo problema in partenza ai piu' veloci che non sono riusciti a partire nelle prime posizioni.
Io come al solito mi sono posizionata nelle retrovie per non creare intralcio e come al solito mi ritrovo con il problema di come partire; cosi' identifico un paio di persone che solitamente corrono sui miei tempi e mi accodo. Corro con il mio ipod e mi riprometto di non badare al tempo nè ai cartelli chilometrici; voglio correre e basta.
Arrivo al rettilineo dove nell'altro senso stanno già passando i primi. Con lo sguardo cerco le canotte orange e qualche altro volto conosciuto. Andrea è già passato: bene! Davanti a me vedo Antonietta e piano piano cerco di raggiungerla. Corriamo insieme e nei pressi del quinto chilometro lei mi chiede a quanto siamo. Guardo l'orologio: 26 minuti. Mi prende un colpo... Penso subito che sto andando troppo veloce per le mie possibilità, di questo passo non ce la farò ad arrivare fino in fondo. Cerco di tranquillizzarmi. Lascio Antonietta e raggiungo MariaGrazia. Sono sul lungomare. Dai ristoranti arriva un profumo che in altri momenti mi farebbe andare in visibilio ma non mentre corro: è insopportabile... Raggiungo anche Giorgio e Tonino che in precedenza mi avevano superata. Comincio a sentirmi molto affaticata ma non posso mollare. All'ultimo chilometro arriva Andrea che come al solito mi sprona nel momento in cui ne ho più bisogno. Siamo nei pressi dello stadio e faccio gli ultimi metri in apnea. Il cronometro dice che e' quasi pb, contro ogni piu' rosea aspettativa.
Analizzando l'andamento della gara un quesito mi si pone: perchè quando ho guardato il cronometro mi sono fatta prendere dalla paura di non farcela? Eppure stavo andando bene, non avevo alcun motivo di rallentare... La mia è inconsapevolezza dei miei mezzi o spirito di conservazione?


4 commenti:

Ezio ha detto...

C'e' mancato poco che ci rangiungessi...ma vai fortissimo! Al quinto a 26? peccato se lo avessimo immaginato ti avremmo aspettato e volentireri aiutato...brava il lavoro sta' facendo uscre i frutti!

Anonimo ha detto...

Complimenti Ivana, i miglioramenti arrivano così all'improvviso quando meno te l'aspetti, spesso dopo un periodo di stasi, forse stai facendo un salto di qualità, continua così!
Jackie

Mathias ha detto...

bravissima ivana, sei in forma..non farti spaventare dal cronometro, dominalo!! :-)

Master Runners ha detto...

Complimenti Ivana&Andrea :)
LA prossima prova a farla senza crono, oppure metti sul quadrante solo il battito del cardio e regolati con quello